Bonifiche Ferraresi

  • contatti
menu mobile menu mobile

Ai sensi dell’art. 24 dello Statuto sociale la Società ha tre Sindaci effettivi e due Supplenti nominati dall'Assemblea a termini di Legge.
I sindaci scadono alla data dell’assemblea convocata per l’approvazione del bilancio relativo al terzo esercizio della carica.
Ferme le cause di ineleggibilità e decadenza e gli ulteriori limiti al cumulo degli incarichi previsti dalle norme vigenti, non possono essere eletti Sindaci coloro i quali ricoprono più di cinque incarichi di Sindaco effettivo in società quotate nei mercati regolamentati italiani. Ai fini di quanto previsto dall’art. 1, comma 2, lett. b) e c) del Regolamento di cui al Decreto del Ministro della Giustizia 30 marzo 2000, n. 162, si considerano strettamente attinenti a quello della Società i settori agricolo, alimentare, fondiario e immobiliare, nonché le materie inerenti alle discipline giuridiche, a quelle economico-finanziarie e a quelle relative all’organizzazione aziendale. Al momento della nomina dei Sindaci e prima dell’accettazione dell’incarico, sono resi noti all’Assemblea gli incarichi di amministrazione e controllo da essi ricoperti presso altre società.
La nomina avviene sulla base di liste al fine di assicurare alla minoranza l’elezione di un sindaco effettivo e un sindaco supplente. Vengono presentate liste contenenti un numero di candidati non superiore a cinque (tre sindaci effettivi e due supplenti), preceduti da un numero progressivo.

Le liste, presentate da uno o più Azionisti che, nel complesso, risultino titolari di azioni con diritto di voto nell’Assemblea ordinaria per una quota di capitale almeno pari al 2,5%, o all’eventuale diversa soglia che la Consob dovesse stabilire con regolamento, possono contenere un massimo di cinque candidati (tre sindaci effettivi e due supplenti), ordinati secondo una numerazione progressiva e deve essere composta in modo tale da assicurare l’equilibrio dei generi all’interno del Collegio.
Le liste devono essere depositate presso la sede sociale entro il termine e secondo le modalità indicate nell’avviso di convocazione. Insieme alle liste vengono depositati:
a) le informazioni relative all’identità dei soci che hanno presentato le liste, con l’indicazione della percentuale di partecipazione complessivamente detenuta;
b) una dichiarazione dei soci diversi da quelli che detengono, anche congiuntamente, una partecipazione di controllo o di maggioranza relativa, attestante l’assenza di rapporti di collegamento previsti con questi ultimi dalla disciplina vigente;
c) un’esauriente informativa sulle caratteristiche personali e professionali dei candidati, nonché di una dichiarazione dei medesimi candidati attestante il possesso dei requisiti previsti dalla legge e della loro accettazione della candidatura.

Al fine di assicurare l’equilibrio dei generi all’interno del Collegio Sindacale, uno dei sindaci effettivi deve appartenere al genere meno rappresentato. A tal fine ciascuna lista dovrà indicare un candidato del genere meno rappresentato al primo o al secondo numero progressivo per quanto concerne i sindaci effettivi; per quanto riguarda i sindaci supplenti, i candidati dovranno appartenere a generi diversi.

Ciascun Azionista può presentare o concorrere a presentare una sola lista; ciascun Azionista può votare una sola lista; ciascun candidato può essere indicato in una sola lista a pena di ineleggibilità; chi presenta o concorre a presentare una lista non può essere contemporaneamente candidato in un’altra lista, a pena di ineleggibilità. Le liste sono depositate presso la sede sociale entro il venticinquesimo giorno precedente la data dell’assemblea chiamata a deliberare sulla nomina dei componenti del Collegio Sindacale e messe a disposizione del pubblico presso la sede sociale, sul sito internet e con le altre modalità previste dalla Consob almeno ventuno giorni prima dell’assemblea. Insieme alle liste vengono depositate: a) le informazioni relative all’identità dei soci che hanno presentato le liste, con l’indicazione della percentuale di partecipazione complessivamente detenuta; b) una dichiarazione dei soci diversi da quelli che detengono, anche congiuntamente, una partecipazione di controllo o di maggioranza relativa, attestante l’assenza di rapporti di collegamento previsti con questi ultimi dalla disciplina vigente; c) un’esauriente informativa sulle caratteristiche personali e professionali dei candidati, nonché di una dichiarazione dei medesimi candidati attestante il possesso dei requisiti previsti dalla legge e della loro accettazione della candidatura. Le liste per le quali non siano state osservate in tutto o in parte le modalità sopra descritte si considerano come non presentate.
In sede di votazione, dalla lista che avrà ottenuto il maggior numero di voti sono tratti nell’ordine due sindaci effettivi e un sindaco supplente. Dalla lista che risulterà seconda per numero di voti risulterà eletto il primo candidato alla carica di sindaco effettivo e il primo candidato alla carica di sindaco supplente. In caso di parità di voti tra più liste di minoranza, si procederà a una votazione di ballottaggio da parte dell’intera Assemblea: risulteranno eletti i nominativi tratti dalla lista che otterrà il maggior numero di voti. Qualora dovesse persistere una parità di voti, risulterà eletto il candidato sindaco, effettivo o supplente, più anziano d’età.

L’incarico di Presidente del Collegio Sindacale spetta al sindaco effettivo eletto dalla lista di minoranza. In caso di presentazione di un’unica lista, verranno eletti i candidati iscritti nella lista medesima e la Presidenza del Collegio spetterà al primo di essi secondo l’ordine di elencazione. In caso di sostituzione di un sindaco effettivo subentra, per quanto possibile, il sindaco supplente eletto nella stessa lista, fermo restando in ogni caso il rispetto della proporzione tra generi prevista per legge.

All’integrazione del Collegio Sindacale si procederà nella successiva assemblea che delibererà con le maggioranze di legge nel principio di necessaria rappresentanza delle minoranze e fermo restando in ogni caso il rispetto della proporzione tra generi prevista per legge.

Il Collegio Sindacale attualmente in carica è stato nominato dall’Assemblea ordinaria dei Soci tenutasi in data 28 aprile 2017, sulla base dell’unica lista di candidati presentata dal Socio di maggioranza B.F. Holding, la quale ha ottenuto n. 6.181.586 voti favorevoli, pari al 99,99% del capitale votante.  Gli attuali componenti del Collegio Sindacale sono: Giovanni Mei (Presidente), Luisa Polignano (Sindaco effettivo), Marco Spadacini (Sindaco effettivo), Maria Pia Cutellè (Sindaco supplente) e Alberto Quaglia (Sindaco supplente).

Tutti i Sindaci eletti sono iscritti nel registro dei revisori legali e in possesso dei requisiti richiesti dalle vigenti disposizioni e dallo statuto nonché di quelli di indipendenza richiesti dal Codice per gli amministratori ed estesi, con i necessari adeguamenti, ai Sindaci stessi.
Il Collegio ha reso noto al Consiglio di aver verificato la sussistenza di tali requisiti dopo la nomina e, successivamente, in occasione della riunione nella quale ha esaminato la corporate governance della Società.

Il Collegio sindacale così costituito rimarrà in carica sino alla data dell’Assemblea convocata per l’approvazione del bilancio relativo al 31 dicembre 2019.

Questo sito utilizza cookie, per saperne di più clicca qui. Cliccando su ok accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.